Chi siamo

Chi siamo

AMURT (Ananda Marga Universal Relief Team) è una delle poche organizzazioni umanitarie internazionali private fondate in India. Sin dal suo inizio nel 1965, il suo obiettivo originario era quello di aiutare a soddisfare i bisogni della popolazione colpita dopo i disastri che colpivano regolarmente il sub-continente indiano.

 

Nel corso degli anni AMURT ha stabilito team in trentaquattro paesi, per creare una rete in grado di soddisfare le esigenze di disastri e sviluppo quasi ovunque nel mondo. Nel 1985 abbiamo ampliato i nostri obiettivi per includere lo sviluppo a lungo termine.

 

Riteniamo di poter svolgere un ruolo utile nell’aiutare le comunità vulnerabili a rompere il ciclo di povertà e ottenere un maggiore controllo sulla loro vita.

 

Per noi lo sviluppo è lo scambio umano: persone che condividono saggezza, conoscenza ed esperienza per costruire un mondo migliore.

Essere arrivato qui è la volontà di un bambino che ha sempre sostenuto che la dignità è il diritto di ogni essere umano. Ho trovato AMURT in età adulta e mi sono subito identificato nella sua filosofia e in tutti quei principi morali in cui credo, ma soprattutto nel diritto alla vita.

il presidente, Cosimo

La storia

  1. Nasce Ananda Marga: Cos’è? Dove opera? Principi base

    1955: Gli inizi di Ananda Marga ci riportano nello stato di Bihar, in India, alla città di Jamalpur dove Prabhat Ranjan Sarkar organizzò il primo capitolo di Ananda Marga. La sua filosofia ha fortemente respinto dogmi, superstizioni e convenzioni come il sistema delle caste. Sarkar ha insegnato pratiche spirituali per l’auto-sviluppo e ha esortato gli aspiranti a prendere una forte posizione contro lo sfruttamento e la corruzione. Il motto “Autorealizzazione e servizio all’umanità” divenne l’ideale per migliaia di persone che erano attratte dalla visione universale di Ananda Marga.

  2. Nasce Ananda Marga: Cos’è? Dove opera? Principi base

    1962: Sarkar crea un ordine di monaci e monache (DADA E DIDI) e centri di addestramento (“training centers” o Prashiksana Matha) in varie parti del mondo: Ydrefors (Svezia), Davao (Filippine), Varanasi e Bangalore (India), Ghana (Africa).
    La maggior parte dei membri di Ananda Marga sono laici, compresi studenti, coppie sposate, single adulti, ecc. Tutti sono in grado di beneficiare delle pratiche spirituali insegnate e di contribuire alla società attraverso uno o un altro dei programmi di Ananda Marga. I monaci e le monache, che hanno dedicato la vita per il servizio sociale, fungono da lavoratori a tempo pieno della missione e sono strumentali per l’espansione e l’esistenza di Ananda Marga.

  3. Nasce Ananda Marga: Cos’è? Dove opera? Principi base

    1963: Sarkar espanse l’organizzazione con la Sezione Istruzione, Soccorso e Welfare (ERAWS) e aprì le prime scuole di Ananda Marga. Come Ananda Marga si diffuse in tutta l’India negli anni Sessanta, la portata del servizio sociale di Ananda Marga è cresciuta includendo case per bambini, cliniche mediche, programmi di alimentazione e squadre di soccorso.

  4. La nascita di Amurt: Obiettivi dell’associazione

    1965: AMURT (Ananda Marga Universal Relief Team) è stato avviato e da allora è stato un partecipante sempre presente alla scena di soccorso in caso di calamità.
    I volontari si concentrano su obiettivi di tipo sociale e ambientale per garantire ai bisognosi una buona qualità di vita.
    L’associazione realizza inoltre progetti agricoli, di raccolta, purificazione e distribuzione dell’acqua; nel caso di disastri naturali e/o artificiali, vengono garantiti i servizi base e la ricostruzione del luogo.

  5. Amurt si diffonde: Nasce AMURTEL

    1969/1982: Nel 1969 viene inaugurato il primo “ufficio del settore New York” dell’Ananda Marga e in pochi anni vengono aperti oltre cento centri di yoga e meditazione.
    Ananda Marga diventa un’organizzazione globale con filiali in Europa, America, Africa, Asia e Australasia.
    Nel 1975 Viene creata la “Squadra di Soccorso Femminile dell’Ananda Marga” (Ananda Marga Relief Team Ladies) (AMURTEL). Gestita da donne dà vita a programmi di aiuto miranti ad elevare lo standard della salute e dell’educazione di donne e bambini
    Nel 1982 Sarkar introduce la filosofia del Neoumanesimo e pubblica diversi volumi sulla filologia

  6. Amurt arriva in Italia con i suoi riconoscimenti

    1985: AMURT ha ampliato l’obiettivo di includere lo sviluppo a lungo termine e gli interventi sanitari. La fondazione di AMURT Italia risale allo stesso anno: la sezione Italiana entra così a far parte della AMURT Global Network con sedi in tutto il mondo.
    Il personale tecnico di Amurt Italia partecipa direttamente ai progetti, con l’obiettivo di monitorare e registrare i risultati ottenuti con le missioni all’estero.

  7. Amurt arriva in Italia con i suoi riconoscimenti

    1991/2001: Nel 1991 L’organizzazione AMURT (Ananda Marga Universal Relief Team) riceve il riconoscimento come ONG dall’Organizzazione delle Nazioni Unite.
    Nel 1993 viene iscritta nel registro regionale del volontariato.
    Nel 2001 Amurt acquista personalità giuridica.

Mission

La nostra missione

La missione di AMURT è quella di contribuire a migliorare la
qualità della vita per le persone povere e svantaggiate
del mondo e per le persone colpite da calamità e conflitti.
Incoraggiamo e permettiamo a individui e comunità
di sfruttare le proprie risorse per garantire le necessità
di base della vita e per ottenere una maggiore realizzazione
economica, sociale e spirituale, onorando le loro abitudini,
la lingua e le credenze religiose.

I principi che ci fanno agire

-Ogni essere umano ha il diritto di soddisfare i propri bisogni fondamentali
come nutrimento, alloggio, cure mediche, abbigliamento e istruzione;

-Le risorse della terra dovrebbero essere utilizzate in modo giusto e appropriato
per soddisfare tali esigenze.

-Ogni essere umano indipendentemente da razza, credo, genere, colore o status
sociale è un membro dignitoso della famiglia umana e dovrebbe essere trattato
con comprensione e rispetto;

-Lo sviluppo è un processo equilibrato che mantiene un equilibrio tra industria
e ambiente, crescita urbana e rurale, bisogni umani e risorse disponibili;

-Lo sviluppo dovrebbe ridurre il divario tra ricchi e poveri e offrire opportunità
a tutti;

-Lo sviluppo appropriato inizia nel quadro sociale e culturale di ciascuna comunità;

-Consentire alle comunità svantaggiate di ottenere un maggiore grado di
indipendenza per determinare il proprio futuro.
- Ogni essere umano ha il diritto di soddisfare i propri bisogni fondamentali come nutrimento, alloggio, cure mediche,
abbigliamento e istruzione;
- Le risorse della terra dovrebbero essere utilizzate in modo giusto e appropriato per soddisfare tali esigenze.
- Ogni essere umano indipendentemente da razza, credo, genere, colore o status sociale è un membro dignitoso della famiglia
umana e dovrebbe essere trattato con comprensione e rispetto;
- Lo sviluppo è un processo equilibrato che mantiene un equilibrio tra industria e ambiente, crescita urbana e rurale, bisogni
umani e risorse disponibili;
- Lo sviluppo dovrebbe ridurre il divario tra ricchi e poveri e offrire opportunità a tutti;
- Lo sviluppo appropriato inizia nel quadro sociale e culturale di ciascuna comunità;
- Consentire alle comunità svantaggiate di ottenere un maggiore grado di indipendenza per determinare il proprio futuro.
-Ogni essere umano ha il diritto di soddisfare i
propri bisogni fondamentali come nutrimento,
alloggio, cure mediche, abbigliamento e istruzione;

-Le risorse della terra dovrebbero essere utilizzate
in modo giusto e appropriato
per soddisfare tali esigenze.

-Ogni essere umano indipendentemente da razza,
credo, genere, colore o status sociale è un membro
dignitoso della famiglia umana e dovrebbe essere
trattato con comprensione e rispetto;

-Lo sviluppo è un processo equilibrato che mantiene
un equilibrio tra industria e ambiente, crescita
urbana e rurale, bisogni umani e risorse disponibili;

-Lo sviluppo dovrebbe ridurre il divario tra ricchi e
poveri e offrire opportunità a tutti;

-Lo sviluppo appropriato inizia nel quadro sociale
e culturale di ciascuna comunità;

-Consentire alle comunità svantaggiate di ottenere
un maggiore grado di indipendenza per determinare
il proprio futuro.

Proviamo a trovare soluzioni

Cerchiamo soluzioni locali. AMURT comprende che non
esistono soluzioni pronte ai problemi di povertà. Ogni
situazione è unica
e richiede la sua soluzione locale. Poiché i
direttori di campo AMURT hanno già sede nelle aree in cui
prestano servizio, sono maggiormente in grado di promuovere
una soluzione adatta a ogni particolare situazione.
Questi principi hanno guidato ogni aspetto del nostro lavoro
nel corso del tempo e ci hanno permesso di instaurare
rapporti con la popolazione locale
e progetti a lungo termine.

Voler essere testimoni

I principi di imparzialità e neutralità, caratteristici della nostra
associazione, non sono sinonimo di silenzio. Quando siamo
testimoni di atti di violenza estrema verso persone o gruppi,
lo denunciamo pubblicamente. Cerchiamo di accendere i
riflettori sui bisogni e sulle sofferenze
inaccettabili delle
persone, quando l’accesso ai bisogni primari salva-vita
vengono ostacolati, quando determinate condizioni sono a
rischio, quando le crisi sono dimenticate o quando gli aiuti
umanitari sono inadeguati o sovradimensionati.