SISMA NEL CENTRO ITALIA

Terremoto Lazio 26 Agosto 2016

Il 26 agosto 2016,un violento terremoto ha colpito l’Italia centrale con un impatto devastante nelle aree epicentrali. La scossa principale di magnitudo 6.00 è stata avvertita in tutta la provincia di Rieti.

I paesi più danneggiati dal sisma sono stati Arquata del Tronto e Amatrice, annoverato come uno dei borghi antichi più caratteristici d’Italia e andato completamente distrutto.

La delegazione di Amurt in missione nelle zone terremotate del Centro Italia ha vissuto giorni molto intensi, ha visitato alcuni dei centri colpiti dal sisma ed ha avuto contatti importanti per proseguire l’azione di supporto post terremoto.

Amurt in soccorso

La prima tappa è stata a Rieti dove Amurt ha consegnato i beni di prima necessità che erano stati richiesti dalla Confcommercio del capoluogo laziale che ha una postazione ad Amatrice e dove quotidianamente fornisce assistenza ai propri consociati, trasportando i beni per le necessità della popolazione.

Ad Amatrice il terremoto ha colpito con una violenza inaudita, la maggior parte delle case ridotte in macerie sono state sotto sequestro. Fin da subito si è cercato di ripartire; le scuole sono state montate a tempo di record dalla Protezione civile del Trentino.

Tra i progetti iniziali è stato proposto di acquistare un’ Autoemoteca, mezzo mobile attrezzato e a norma per riprendere subito le donazioni di sangue coinvolgendo tutti i comuni rietini maggiormente colpiti dal sisma. Una volta ricostruita la sede, resterà a disposizione dell’Avis Provinciale per supportare le donazioni; attualmente infatti ci sono solo 3 autoemoteche in tutto il Lazio.

Sicuramente si è trattato di un obiettivo ambizioso visto il costo di circa 140.000 euro.
Amurt ha fatto la sua parte sposando questo progetto concreto di grande utilità e invitando chiunque lo desiderasse, privati cittadini, Associazioni, Aziende a partecipare, tutte le iniziative organizzate e finalizzate per l’Avis di Amatrice. In termini monetari, ha procurato la somma di 20.000 euro.
Il progetto Autoemoteca Avis per le zone terremotate del Lazio promosso e sostenuto da Amurt Italia è ha consentito la ripresa itinerante della raccolta di sangue in tutti i comuni terremotati che purtroppo non disponevano più delle loro sedi.

Attualmente Amurt collabora con l’Associazione” Amatrice 2 punto zero”, nata da ragazzi del posto che hanno deciso di non arrendersi al sisma e lottare per la propria terra per evitare che nel periodo che intercorre tra la prima emergenza e la ricostruzione la comunità si disgregasse non avendo nè casa nè una fonte di reddito.

L’obiettivo principale era di supportare e famiglie più indigenti con sistemazioni provvisorie e sussidi e di incentivare le attività commerciali alla riapertura in loco. Altra priorità fu creare centri ricreativi per anziani e giovani dando anche un aiuto a studenti universitari le cui famiglie abbiano perso ogni forma di reddito.

Altra problematica da affrontare era legata alle condizioni climatiche che con l’avanzare dell’autunno diventavano sempre più rigide. Amurt Italia acquistò decine di stufe, direttamente consegnate a Amatrice.

Le conseguenze di un tale disastro sulle persone sono inimmaginabili e indescrivibili. Forse perché ho vissuto il terremoto in prima persona, forse perché le mie ferite sono ancora aperte e per anni ne ho subito l’enorme peso o forse quello era il mio posto in quel determinato momento “UN POSTO TRA MACERIE E VITE SPEZZATE” con i miei fratelli e le mie sorelle… (ma perché). Letto l’email ho percepito una possente vibrazione che ho avvertito per tutta la durata del viaggio e tutto il tempo passato con i miei fratelli e le mie sorelle. Ero già stato in quel luogo per dare supporto e aiuti materiali ma inspiegabilmente mi sembrava di aver fatto poco di non aver fatto abbastanza, ma quando ho letto l’email tutto mi è diventato chiaro. Quello che non avevo dato era il mio sostegno spirituale. Ho vissuto questa esperienza per tutta la sua durata come in una bolla ovattata avvolto da un alone di amore e benevolenza la chiamata a questa esperienza la potenza del Akhanda kiirtan l’energia dei miei fratelli e sorelle hanno reso questo momento speciale, completo quasi mistico e sono sicuro che tanto di tutto questo è rimasto ad AMATRICE a continuare la nostra azione e a dare il nostro sostegno. E si ne sono certo il mio posto era li ad AMATRICE tra MACERIE e VITE SPEZZATE.

 

 

–testimonianza di un volontario Amurt